Smart&Start: semplificazione dell’accesso agli incentivi per startup

489

Con la firma della Circolare MISE n.102159 del 14 febbraio 2018, diventano effettivamente operative le nuove modalità di rendicontazione, ampliamento della platea dei destinatari, finanziamento per le attività di marketing e marchi e proroga per l’iscrizione al registro speciale delle imprese, per le imprese che vogliono richiedere i finanziamenti Smart&Start.

Sono queste, infatti, le novità introdotte dal Decreto Mise del 9 agosto 2017, pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Il Decreto e la successiva Circolare semplificano il precedente DM del 24 settembre 2014 e, in accordo con la più recente normativa sulle startup innovative, va incontro alle esigenze espresse dalle imprese, sia in termini di liquidità, sia ammettendo al finanziamento spese divenute ormai strategiche per una startup innovativa, sia favorendo i diritti di proprietà industriale.

In particolare le novità più importanti sono le seguenti:

  1. possono accedere alle agevolazioni anche le società costituite da non più di 60 mesi
  2. sono ammissibili al finanziamento gli investimenti per marketing e web marketing
  3. sono finanziabili anche i marchi (oltre ai brevetti e alle licenze)
  4. è introdotta un’ulteriore modalità di rendicontazione su presentazione di fatture non quietanzatele (purchè nell’arco di 45 giorni dall’accreditamento delle somme da parte di Invitalia venga dimostrato l’avvenuto pagamento)
  5. per i team di persone,l’iscrizione al Registro speciale delle startup innovative non deve essere dimostrata alla firma del contratto, ma è posticipata alla prima richiesta di erogazione delle agevolazioni.

(fonte: Smart & Start – Invitalia)