MUR: 21 milioni per proposte progettuali di ricerca per emergenza Covid-19

157

Dal Ministero Università e Ricerca un avviso per proposte progettuali di ricerca a valere sul Fondo Integrativo Speciale per la Ricerca FISR

Il MUR intende acquisire e selezionare proposte progettuali di ricerca di particolare rilevanza strategica, finalizzate ad affrontare le nuove esigenze e questioni sollevate dalla diffusione del virus SARS-Cov-2 e dell’infezione Covid-19.

AVVISO

Le proposte progettuali dovranno avere come obiettivo la definizione di soluzioni di prodotto, metodologiche o di processo, relative al contesto sanitario, sociale, istituzionale, della formazione, giuridico, economico, della inclusione, o produttivo, rispetto ad almeno uno dei seguenti ambiti

a)  risposta all’emergenza, sviluppando soluzioni relative alla fase di espansione della pandemia;

b)  gestione della riorganizzazione delle attività e dei processi, sviluppando soluzioni relative alla fase di superamento della pandemia in condizioni di sicurezza;

c) prevenzione del rischio, sviluppando soluzioni volte a contrastare e contenere gli effetti di eventuali future pandemie.

Le proposte progettuali debbono riguardare una o più delle seguenti aree:

  • Life Sciences
  • Physics and Engineering
  • Social Sciences and Humanities
    PRIMA FASE

a)  Nella prima fase i soggetti ammissibili di cui al successivo articolo 2 vengono invitati a presentare idee progettuali di durata non superiore a 6 mesi, di costo non inferiore a euro 20.000,00 e non superiore a euro 80.000,00, per la parte a carico del FISR, e finalizzati alla messa a punto di un primo “risultato prototipale”(suscettibile di implementazione).

b)  Per tale fase il MUR riserva una disponibilità di risorse pari euro 10.000.000,00 a valere sul Fondo

c)  Le idee progettuali vengono valutate secondo le modalità, tempistiche e criteri

d)  Le idee progettuali approvate vengono finanziate per l’80% dei costi ritenuti ammissibili, erogati nella misura del 90% all’atto dell’approvazione e per il 10% a conclusione e verifica delle attività svolte.

 SECONDA FASE

a) All’esito della verifica conclusiva delle idee progettuali approvate nella prima fase, i relativi soggetti proponenti vengono invitati a presentare proposte progettuali di sviluppo, di durata non superiore a 6 mesi, di costo non inferiore a euro 50.000,00 e non superiore a euro 150.000,00, per la parte a carico del FISR e finalizzati alla sperimentazione del “risultato prototipale finale” e alla relativa dimostrazione di funzionalità.

b)  Per tale fase il MUR riserva una disponibilità di risorse pari euro 11.000.000,00 a valere sul Fondo di cui al precedente comma 3

c)  Le proposte progettuali vengono valutate secondo le modalità, tempistiche e criteri di cui al successivo articolo 4.

d)  Le proposte progettuali approvate vengono finanziate per l’80% dei costi ritenuti ammissibili, erogati nella misura del 90% all’atto dell’approvazione e per il 10% a conclusione e verifica delle attività svolte.

CHI PUO’ PRESENTARE PROPOSTA

1. I soggetti ammissibili a presentare le idee progettuali sono le università statali e non statali italiane legalmente riconosciute e gli enti pubblici di ricerca vigilati da Amministrazioni centrali di cui all’art. 1, comma 1, del decreto legislativo 218/2016.

2. Ciascuna idea progettuale può essere presentata da un minimo di 1 (uno) a un massimo di 3 (tre) soggetti tra quelli indicati al precedente comma 1.

3. Ogni singolo coordinatore (principal investigator) può presentare e/o partecipare ad una sola (1) idea progettuale di prima fase.

FONTE: MUR